I giovani evitano le notizie?

Ascolta l'articolo

Qualche giorno fa a New York City, un gruppo di editori ha comincianto a “incazzarsi” perchè da sempre lottona per acquisire fasce di età più giovani e i dati emersi dicono che i giovani passano più tempo su alcuno social rispetto a quelli che gli editori presidiano. Il senso? I giovani non vanno sui siti di informazione, cercano sui social e il primo scemo che dice qualcosa, diventa il contenuto.

Il dato: quattro persone su dieci sotto i 35 anni “evitano attivamente le notizie”, secondo l’undicesimo rapporto annuale ” Digital News Report ” condotto dal Reuters Institute for the Study of Journalism. Tuttavia, tale avversione è solo leggermente più acuta che tra i 35 anni e più, il 36% dei quali a volte o spesso evita le notizie.

Il rapporto ha raccolto le risposte di oltre 93.000 consumatori di notizie online in 46 mercati globali da gennaio a febbraio 2022.

“Sono molto pessimista riguardo al nostro attuale stato dei media negli Stati Uniti in questo momento. Questi numeri sono profondamente deprimenti e dovrebbero essere un forte campanello d’allarme per tutti noi nel giornalismo”, ha affermato l’editore di Vox Media Melissa Bell durante l’evento Reuters.

I numeri sulla poca fruizione delle notizie da parte del pubblico più giovane, non sono gli unici aspetti negativi del rapporto. Ad esempio, la percentuale di persone negli Stati Uniti che afferma di non aver utilizzato alcuna fonte di notizie nell’ultima settimana (inclusi TV, stampa, online, social media e radio) è cresciuta dal 3% nel 2013 al 15% nel 2022. Ma il problema è ancora più pronunciato per i giovani tra i 18 e i 24 anni. Dal 2015, coloro che hanno affermato di essere andati su un sito Web o un’app di notizie nell’ultima settimana sono scesi dal 29% nel 2015 al 20% nel 2020.

Perché gli under 35 si allontanano dalle notizie? 

Il rapporto ha provato a formulare alcune ragioni specifiche. 

  • I lettori di età inferiore ai 35 anni hanno trovato il ciclo delle notizie troppo ripetitivo su argomenti come la politica e il COVID-19. 
  • La notizia abbatte il loro umore. 
  • La notizia è difficile da capire e da seguire. 
  • Non si fidano delle notizie. (le persone sotto i 35 anni sono la fascia d’età con la più bassa fiducia nel rapporto di Reuters)

Se questi lettori scelgono attivamente di evitare le notizie, la questione della loro conversione in abbonati paganti diventa ancora più difficile per gli editori. Solo il 17% degli under 35 negli Stati Uniti sono abbonati a un servizio di notizie digitali.

Questi ostacoli sono probabilmente il motivo per cui gli editori stanno formando sempre più team dedicati a raggiungere i giovani. Il Los Angeles Times ha creato questo mese un team dedicato alla creazione di contenuti esclusivamente su Instagram . Il Washington Post ha formato una task force lo scorso agosto per capire come attirare lettori più giovani e diversificati. Il primo editore di Instagram di The Post , Travis Lyles, è stato promosso questo mese a vicedirettore, social, curation fuori piattaforma, spostando i team social sotto l’Universal News Desk del Post per centralizzare gli sforzi di cura e distribuzione di The Post. 

E lo scorso settembre il New York Times ha investito in un nuovo team interfunzionale di giornalisti chiamato Trust Teamper riflettere davvero, come possiamo essere più trasparenti? E inoltre, come possiamo dimostrare ogni giorno di essere una fonte affidabile?” ha detto l’assistente caporedattore del Times Monica Drake.

Cosa possono fare gli editori per affrontare queste sfide significative?

Hai così tante informazioni che è travolgente. È estenuante. A volte è ansiogeno e fa sentire le persone impotenti“, ha detto Bell. Crede che gli editori dovrebbero essere “un servizio per il pubblico“, per “aiutare le persone a sentirsi come se avessero più potere e controllo e possano prendere… decisioni intelligenti sulla propria vita“.

Il New York Times sta lavorando per essere più trasparente con il suo pubblico, per migliorare la fiducia delle persone nelle notizie, ha affermato Drake. I primi piani dei giornalisti compaiono accanto alle storie, che includono una spiegazione del background e delle credenziali del giornalista. “I lettori più giovani vogliono che tu mostri le credenziali. Quindi è quello che cerchiamo di fare quotidianamente”, ha detto Drake. 

Il Times sta anche sperimentando “molte forme di storie diverse che sembrano più native per i lettori più giovani“, ha detto. “Abbiamo questi blog che ti aiutano a scorrere all’infinito su un argomento. È qualcosa che le persone capiscono come fare se non sono cresciute piegando le pagine come ho fatto io“.

Gli editori possono anche sviluppare i personal brand dei giornalisti sulle piattaforme utilizzate dai giovani. Reuters ospita Instagram Lives con giornalisti che vanno dietro le quinte, ha affermato Arlyn Gajilan, direttore delle notizie digitali di Reuters. Il Times presenta i suoi giornalisti nei suoi podcast.

Google sta integrando strumenti di alfabetizzazione informativa nei suoi prodotti di ricerca, per aiutare i lettori a comprendere la credibilità di diverse fonti“, ha affermato Olivia Ma, direttrice del Google News LabIl mese scorso, Google ha aggiunto una nuova etichetta chiamata “altamente citata” sulle notizie più importanti, che mette in evidenza una storia che è stata spesso citata da altre fonti di notizie affidabili, ha detto Ma. 

Vediamo che questi sono i tipi di cose che aiutano davvero le persone a costruire la loro fiducia mentre navigano sul Web, per dire: ‘OK, sento di avere alcune abilità e alcuni strumenti ora che posso applicare per aiutarmi capire se questo è un contenuto degno di fiducia”, ha detto.

Sembra quasi che riuscire a coinvolgere le fasce di età più giovani, sia attraverso una interazione in grado di giocare sul loro campo e ridurre gli attriti possibili.

Vedremo.