Core Web Vitals: le nuove metriche 2022

Ascolta l'articolo

Le nuove metriche migliorano il feedback sulla velocità relativa al server e forniscono una rappresentazione più completa delle prestazioni della pagina rispetto a quanto precedentemente disponibile.

PageSpeed Insights di Google ha aggiunto due nuove metriche all’API e all’interfaccia utente di PageSpeed Insights per Lighthouse. Le due metriche sono etichettate come sperimentali e ora vengono raccolte per i dati sul campo mentre i dati di laboratorio corrispondenti possono essere utilizzati per scopi diagnostici.

Aggiornato Google Lighthouse

Le nuove metriche:

  • Tempo al primo byte (TTFB)
  • Interazioni successive (INP)

Time to First Byte

La metrica Time to First Byte (TTFB) misura la velocità con cui il server risponde a una richiesta di una risorsa.

Pertanto, l’importanza di questa metrica è che aiuta a isolare un fattore (reattività del server) che può avere un effetto negativo su tutte le altre metriche di caricamento della pagina successive.

Ciò rende TTFB una metrica molto importante per fini diagnostici.

Chiunque sia concentrato sul miglioramento dei Core Web Vitals dovrebbe dare un’occhiata a TTFB.

Ciò che è cambiato di TTFB è che questa è la prima volta che è disponibile come metrica nella sezione dei risultati di PageSpeed Insights.

Interazione successive

Interaction to Next Paint (INP) è una metrica nuova di zecca che rappresenta il tempo necessario per interagire con l’intera pagina, ciò che Google chiama “latenza di interazione complessiva”.

Le misure INP rappresentano il tempo necessario per interagire con l’intera pagina, in contrasto con First Input Delay che misura solo il tempo impiegato dalla pagina per rispondere alla prima interazione di un visitatore del sito.

Google utilizza un esempio di una pagina di acquisto per illustrare la differenza tra un buon INP e un povero INP.

Good INP

L’esempio di una pagina di acquisto mostra un’immagine cliccabile che genera una versione in primo piano più grande.

L’esempio di scarsa reattività è un utente che fa clic sull’immagine e aspetta che accada qualcosa mentre l’immagine più grande viene scaricata nel browser. Non c’è una risposta di feedback al clic.

L’esempio di una buona reattività è di un utente che fa clic sulla stessa immagine che risponde immediatamente con un grafico di caricamento della pagina che comunica che la richiesta dell’immagine è stata ricevuta e che ora si sta caricando.

Quanto sopra è un esempio di come la nuova metrica INP misurerà tutti gli elementi reattivi di una pagina Web per arrivare a una rappresentazione dell’interazione con Next Paint.

Web.dev di Google spiega la nuova metrica Interaction to Next Paint (INP):

“INP è una metrica che mira a rappresentare la latenza di interazione complessiva di una pagina selezionando una delle interazioni più lunghe che si verificano quando un utente visita una pagina.

Per le pagine con meno di 50 interazioni in totale, INP è l’interazione con la latenza peggiore.

Per le pagine con molte interazioni, INP è il più delle volte il 98° percentile della latenza dell’interazione”.

Nuovo layout di PageSpeed Insights

Le due nuove metriche sono disponibili su PageSpeed Insights.

Tuttavia, potrebbe essere necessario del tempo prima che i dati del campo vengano visualizzati perché i dati del campo derivano dagli utenti effettivi del browser Chrome che hanno scelto di consentire l’invio dei dati sulla velocità della pagina a Google.

I punteggi principali di Web vitals sono elencati per primi (nella visualizzazione desktop).

Lighthouse Metrics

Estensione Lighhouse di Chrome

Un altro modo per visualizzare le nuove metriche è con l’estensione Chrome Lighthouse.

Il modo per utilizzarlo è passare a qualsiasi pagina e una casella quadrata nella parte in alto a destra del browser diventerà rossa o verde a seconda che la pagina superi le metriche di Core Web Vitals.

Cliccando sulla casella stessa si attiva la visualizzazione del CWV e delle metriche sperimentali.